La startup romana festeggia oltre 150mila documenti archiviati con la sua app e lancia il primo progetto dedicato al mercato business: Lambo Expense

150mila documenti archiviatiArchiviare i documenti: mi sono perso qualcosa?
Tutto comincia con un frigorifero ancora in garanzia che si guasta all’improvviso e uno scontrino che non si trova. Siamo nel 2013 e, da questo piccolo episodio, Gianni Baroni ha un’idea semplice quanto geniale: un’applicazione mobile che consenta di archiviare, catalogare e consultare i propri documenti in qualsiasi momento. Nasce così Lambo, startup italiana con sede a Roma. L’applicazione Lambo Archivio Personale per iOS debutta nel maggio 2014 e in 2 mesi raggiunge i 30mila download, per aggiudicarsi, poco dopo, il traguardo di prima app nella categoria Produttività – Gratuite di App Store.
Al sicuro su una nuvola, sempre a portata di mano
La neonata startup ha creato la soluzione ideale per avere i propri documenti ordinati e sempre a portata di smartphone. Ma cosa succede al mio archivio se lo smartphone si rompe? E se lo dimentico a casa? E se uso più di un dispositivo? Niente paura: tutto l’archivio di Lambo viene sincronizzato su cloud ed è accessibile anche via browser, tramite la piattaforma web myLambo Oltre alla gestione completa dell’archivio, myLambo diventa giorno dopo giorno un servizio sempre più completo: ad oggi, tra le funzioni principali, permette di creare i PDF dei documenti e di generare dei Report con la somma algebrica degli importi.
Molto più di una Cassaforte
Se avere un archivio sicuro è una priorità, avere un’area “segreta” in quello stesso archivio è un “plus”. Per questo, nel 2015, il Team di Lambo rilascia la funzione Cassaforte. Da questo momento in poi sarà possibile archiviare i documenti anche in un’area segreta. La Cassaforte di Lambo Archivio Personale, infatti, consente di creare delle cartelle invisibili protette da Pin: i Cassetti Segreti.
Lo sbarco su Android
Dopo il successo ottenuto con la versione iOS, nell’estate 2015 Lambo arriva finalmente sul sistema operativo Android. La nuova avventura porta in breve tempo a tagliare un altro traguardo: in pochi mesi sono oltre 10.000 le installazioni dell’app su smartphone Android.
E’ ora di ricordarsi le scadenze
Se la vita di tutti i giorni è scandita da appuntamenti, date importanti e scadenze, ecco che Lambo inaugura il 2017 con i Promemoria. Con questa funzione l’utente può impostare una data sul suo documento: alla scadenza riceverà una notifica sul dispositivo e un’email all’indirizzo di posta elettronica.
Nota Spese: si parte in trasferta!
Nel febbraio del 2017 Lambo introduce nell’app la funzione Nota Spese, pensata per dipendenti e professionisti che vogliono tenere traccia delle spese effettuate in trasferta direttamente sullo smartphone. La Nota Spese consente di generare un documento riepilogativo dei costi sostenuti durante una trasferta con allegate le copie digitali dei giustificativi di spesa.
150mila documenti e una nuova sfida
Il costante lavoro, sempre con un orecchio teso ad ascoltare i consigli degli utenti, ha portato Lambo Archivio Personale a superare un nuovo record: nel giugno 2017 sono oltre 150mila i documenti archiviati dagli utenti. Al momento l’app registra oltre 90.000 download e 55.000 utenti attivi. Ed è proprio dall’esperienza nata sull’app, che oggi prende il via una nuova sfida: il servizio Lambo Expense, primo progetto dedicato al mercato business. Si tratta di un sistema aziendale per la gestione digitale delle note spese, composto da una piattaforma web connessa con la funzione nota spese di Lambo Archivio Personale.
Condividi l'articolo Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmailby feather
8 Giugno 2017